Al Bambu

Inverno

Inverno: la stagione del riposo della terra, in cui si ferma il lavoro dei campi in attesa della bella stagione.

 Si raccoglie solo quanto si è messo in cantina o si  conservato durante l’anno!
La capacità di sopravvivenza dei nostri antenati era strettamente legata ai salumi e alle conserve che con intelligenza venivano messe da parte durante la grande abbondanza estiva.

Di certo in questo periodo era il maiale a farla da padrone: l’animale dopo aver mangiato tutto l’anno veniva sacrificato per diventare il principale mezzo di sopravvivenza delle famiglie contadine fino al ritorno della primavera.

Sono poche infatti le altre carni od ortaggi che originariamente si potevano consumare  nel nostro territorio durante questo periodo: patate, cipolle, zucche e mele che sopravvivevano stanche e un po’ rinsecchite nascoste negli angoli bui delle case.

Immaginate: niente supermercati, niente frigoriferi o congelatori. Solo ciò che si è risparmiato e conservato con attenzione durante l’anno ci consentirebbe di sopravvivere fino a marzo. Con tutto questo freddo all’esterno e  magari le prime nevicate, arriva il momento di godersi il vero caldo con i piedi sotto alla tavola: minestre e piatti caldi, rotondità di burro e formaggio, panettoni e cioccolata che ci godremo fino al disgelo.

Un vero toccasana per il corpo e lo spirito, un vero privilegio che dobbiamo custodire come la memoria del nostro passato.

Le nostre news

Arriva l’estate!

Arriva il caldo, ma insieme ad esso anche gli ingredienti più conosciuti del mondo: pomodori, zucchine, melanzane e peperoni. Ci

All’aria aperta

Al Bambù riapre, dopo l’emergenza, in modalità all’aperto “Open Air” Rispetto a molti colleghi siamo fortunati, riusciamo a dare il

Il Cocktail e le sue origini

Con l’apertura del nuovissimo cocktail bar siamo entrati in un mondo ampio quanto la cucina e la gastronomia: la miscelazione.

Galleria

X